Consigli Utili

Cosa dovevi fare per diventare un cavaliere? Come diventare cavalieri nel Medioevo

Pin
Send
Share
Send
Send


L'idea classica di un cavaliere è un soldato che a cavallo combatte con i nemici del suo signore e re feudale, sostenendo i principi della cavalleria. Si ritiene che la cavalleria provenga dall'Ordine dei Cavalieri (Cavalieri) del Santo Sepolcro. L'immagine attuale del cavaliere ci è venuta dalla "Canzone di Roland" e da altre leggende su Carlo Magno e sui suoi paladini, che vennero in Inghilterra dalla Francia durante la conquista normanna dell'Inghilterra nel 1066. Storicamente, solo una classe separata di persone poteva diventare un cavaliere, ma nel secolo scorso parecchi nuovi modi sembravano diventare un cavaliere.

L'emergere della tenuta

Anche nell'antica Roma esisteva un tale strato di società come gli equites. Questo si traduce in cavalieri. La proprietà ha una posizione privilegiata. Ma la principale influenza sull'emergere della cavalleria fu fornita dall'invasione di Unni nomadi nel processo della Grande Migrazione dei Popoli. Fu nei secoli IV-VII. I nomadi avevano armi pesanti e lunghe spade, divennero il prototipo dell'immagine cavalleresca, che alla fine si diffuse in tutta l'Europa medievale.

In Francia, durante il periodo dell'attacco degli arabi, prevalevano truppe di piedi di contadini liberi, che non potevano respingere gli invasori. Karl Martell iniziò a distribuire le terre della chiesa e della corona a persone libere, ma senza terra, per un uso temporaneo o illimitato. In cambio, gli hanno fornito i loro servizi equestri.

Dall'VIII secolo iniziarono a diffondersi rapporti vassalli, le persone al servizio del maestro dovevano giurargli fedeltà.

In Germania, a partire dall'XI secolo, fu creata una tenuta speciale: i dinamisti. Queste persone nella loro posizione erano più alte dei cittadini e degli abitanti dei villaggi liberi, ma inferiori ai cavalieri liberi. A differenza di quest'ultimo, i dinstmann non potevano lasciare il servizio di propria iniziativa.

In Francia, la cavalleria era uno dei tratti distintivi di una nobile nascita, anche se a volte i cittadini non liberi con una parte assegnata di terra riuscivano a entrare nella tenuta. Tali persone appartenevano alla nobiltà inferiore.

Nell'Inghilterra medievale, solo il re poteva fare il cavaliere, ma il fatto di possedere la terra era sufficiente per assegnare il titolo. L'origine era di importanza secondaria.

Educazione cavalleresca

Passare l'addestramento alle virtù è ciò di cui hai bisogno per diventare un cavaliere. L'allevamento di un guerriero da un ragazzo iniziò all'età di 7 anni e terminò all'età di 21 anni. Se un giovane ha servito con successo come pagina, scudiero e ha affrontato tutte le prove che gli sono state offerte, il sovrano lo ha nominato cavaliere.

Un membro dell'ordine doveva avere una perfetta padronanza della scherma e dell'equitazione, della falconeria e del nuoto. I cavalieri possedevano anche il dono della versificazione, giocavano a scacchi e possedevano tutte le regole di etichetta a corte.

Fin dalla tenera età, il ragazzo ha allevato qualità come coraggio, valore, atteggiamento galante nei confronti delle donne. Ai giovani uomini veniva anche instillato l'amore per la musica, la poesia, la danza e la religione.

Servizio di pagina

Prima di diventare un cavaliere, il ragazzo ha dovuto passare diverse fasi di servizio al maestro. Inizialmente, è diventato una pagina. Di solito, il bambino veniva trasferito al santo patrono all'età di 7-8 anni, e vi rimase fino ai 14 anni.

I nobili signori feudali ricoprivano il ruolo di signori; alcuni nobili riuscirono persino a organizzare un bambino con una pagina per il re. Per diventare praticamente un servitore con un patrono nobile, i ragazzi dovevano avere un buon pedigree, dove dovevano essere indicate almeno 4 generazioni della nobiltà paterna.

Le pagine vivevano sul pieno supporto del maestro, che era anche responsabile della crescita del ragazzo.

I compiti della pagina includevano:

  1. Dovere sotto il signore.
  2. Lo accompagna a vari eventi sociali.
  3. Presenza accanto al signore durante le campagne militari.
  4. La fornitura di vari servizi di particolare importanza, anche personali e segreti.

Dopo aver raggiunto i 14 anni, il giovane ha lasciato questo passaggio di preparazione, l'azione è stata accompagnata da una magnifica cerimonia. Quindi divenne uno scudiero. È iniziata la fase successiva.

Possidente

È tempo di crescere. Il secondo passo dell'educazione cavalleresca serviva da scudiero al suo padrone. Questo periodo iniziò alle 14 e durò fino alle 21. Nel Medioevo da questa età, un giovane era considerato un adulto. I portatori dell'imbracatura reale sono stati in questa posizione per tutta la vita.

Solo un giovane di nobile origine poteva anche diventare uno scudiero. In rari casi, un cittadino comune potrebbe dedicare questo titolo. I cittadini di nobili famiglie erano anche sergenti scudieri sotto alcuni signori. Questa posizione è stata loro affidata fino alla fine della sua vita.

Lo scudiero servì il suo signore in tutto. Era con lui a corte, nei tornei e sul campo di battaglia. Il giovane servitore monitorò le condizioni dell'arma, dell'armatura e del cavallo del suo mecenate. Durante la battaglia, lo scudiero diede armi al maestro e combatté anche con lui fianco a fianco.

Il giovane era pienamente supportato dal suo signore supremo, quest'ultimo era obbligato a insegnargli gli affari militari e tutti gli aspetti dell'educazione cavalleresca.

C'era un altro modo per diventare un cavaliere nel Medioevo. Non molti sono riusciti. Se in battaglia un giovane ha sconfitto un cavaliere, allora è stato ordinato nella proprietà desiderata proprio sul campo di battaglia, perché in questo caso ha coperto il suo nome di gloria.

Il prossimo in linea è l'ingresso nella proprietà dei guerrieri. Il giovane stesso poteva cavaliere il giovane, un altro signore feudale o il re. Quanti anni potrebbe uno scudiero diventare un cavaliere? Molto spesso, questo evento si è verificato quando un giovane ha compiuto 21 anni, ma è successo prima se meritava la dedizione con qualcosa di eccezionale.

Per il rito di iniziazione, era necessaria la preparazione e la procedura stessa era magnifica e festosa.

Questo è il nome della cerimonia di entrata di uno scudiero nell'ordine cavalleresco. Inizialmente, l'iniziazione era mistica. Prima di diventare un cavaliere, un giovane doveva fare il bagno, indossare una camicia bianca, un mantello scarlatto e speroni dorati. Fu circondato dalle braccia da un gentiluomo o da uno degli anziani dell'ordine, diede anche uno schiaffo all'iniziato con istruzioni verbali. Nella vita di un cavaliere, questo colpo di palma sarebbe stato l'unico che avrebbe lasciato senza risposta. Vi fu anche una variazione di iniziazione, quando invece di circondare il maestro, il giovane colpì il giovane con il lato piatto della spada, prima sulla sua spalla destra e poi sulla sua sinistra.

Come sei diventato cavaliere nel Medioevo, se c'era una guerra e non c'era tempo per la preparazione? Al giovane che si è distinto in battaglia è stato assegnato un titolo in mezzo al campo dopo la battaglia. Ciò è stato fatto dal suo signore supremo o altro nobile signore feudale. Uno scudiero fu colpito sulle spalle e recitò una breve preghiera.

Rito di consacrazione della Chiesa

Più tardi, il rito di iniziazione iniziò ad avere una connotazione religiosa. Un giovane, vestito di bianco, ha pregato in chiesa tutta la notte. La mattina dopo ha dovuto resistere alla liturgia, oltre a confessare e prendere parte al suo confessore.

Posò le sue armi sull'altare, fu benedetto anche dal clero. Dopo questa procedura, il mentore spirituale consegnò la spada all'iniziato o la cinse. Il cavaliere fece un giuramento per difendere la sua fede, per aiutare i deboli e gli indigenti, per mantenere l'onore. Quando la cerimonia di iniziazione fu condotta dalla chiesa, si comprese che il giovane sarebbe diventato un cavaliere di fede e lo avrebbe custodito con zelo. Di solito cercavano di celebrare la cerimonia per una festa religiosa o altri eventi importanti.

Cosa bisogna fare per diventare un cavaliere dopo la fine dell'iniziazione della chiesa? Questo è stato seguito dalla fase secolare della cerimonia. Il nuovo cavaliere doveva dimostrare la sua forza, destrezza e precisione. Saltò in sella, non toccando la staffa con le mani, e galoppò, colpendo uno spaventapasseri con una lancia.

Quando il giovane ha superato con successo tutte le prove, il Signore Supremo ha organizzato una grande festa in onore del suo cavaliere convertito, che è durato diversi giorni. Di solito, queste pesanti spese venivano rimborsate al maestro dal suo vassallo, il padre dell'iniziato della gioventù.

Simboli e accessori

Dopo che i giovani sono diventati cavalieri, hanno ricevuto il loro emblema individuale se erano i primi della loro famiglia a unirsi all'ordine. Il segno di solito rappresentava vari animali e simboli che in qualche modo avevano un'associazione con il genere della giovinezza. I colori oro, argento, rosso, verde e nero più comunemente usati. L'emblema è stato lasciato solo per la vita ed è stato ereditato.

A volte il patrono del cavaliere permetteva di usare il suo stemma o aggiungere alcuni nuovi simboli lì. Questo è stato fatto quando l'eroe si è distinto per un'abilità speciale in battaglia.

Ogni cavaliere aveva anche il suo motto, fu posto sullo stemma e rivelò l'essenza dell'immagine. Nella maggior parte dei casi, per i soldati questa frase è stata usata anche come grido di battaglia.

La privazione di cavaliere

Oltre all'opportunità di diventare un cavaliere, c'era anche la possibilità di essere espulsi dall'ordine, facendo vergognare il tuo nome e l'intero clan. Se una persona violava il codice cavalleresco o si comportava in modo non adeguato al suo titolo, veniva eseguita la procedura inversa su di lui.

La cerimonia è stata accompagnata dal canto dei salmi funebri. Mettendo il suo scudo con lo stemma sul patibolo, dal cavaliere stesso rimuoveva alternativamente parti di armi e paramenti. Dopo che l'uomo fu spogliato e vestito con una lunga camicia, lo scudo fu rotto in tre parti. L'ex guerriero fu calato dalla forca, infilando un anello di corda sotto le ascelle, dopodiché, sotto gli insulti, le folle furono portate in chiesa. Lì si tenne un servizio funebre.

Se il suo crimine era grave, allora la sentenza era morte. Dopo la messa, l'esilio fu dato al carnefice. In un caso più mite, il cavaliere era spogliato di tutti i gradi, premi, terre e il suo nome e tutti i discendenti erano coperti di vergogna. In un certo senso, la morte è stata una punizione più delicata, perché il misericordioso disgraziato cavaliere è stato costretto a vivere in povertà e disprezzo fino alla fine della sua vita.

Come sei diventato cavaliere nel Medioevo? Era necessario fare molta strada per prepararsi e avere un grado nobile. Ma tutto ciò non significava che l'uomo avrebbe posseduto le virtù morali necessarie. Non importa quanto sia cavalleresca ideale, spesso tra i membri della tenuta ci sono persone avide e crudeli che non disdegnavano rapine e omicidi.

Guarda il video: MELIODAS IL MONELLO?! Seven Deadly Sins: Knights of Britannia Walkthrough Ep 1 ITA (Dicembre 2022).

Pin
Send
Share
Send
Send